Presentazione Terzo Rapporto FAITA sul turismo all'aria aperta in Toscana

faita toscana Convegno FAITA Federcamping Toscana:
Campeggi, Villaggi, Camping Village. Il nuovo Testo Unico del Turismo:
opportunità di crescita per il sistema “Open Air” in Toscana.

Campeggi e Villaggi Turistici si incontrano a Castiglione della Pescaia per fare il punto sul settore e mettere a punto le strategie del futuro.
Il turismo in Italia ha ripreso forza e i primi segnali per la stagione estiva 2017 rendono ottimisti anche gli operatori della ricettività all'aria aperta, che prevedono per il 2017 la crescita del 2% dei pernottamenti.
La ricettività nei Campeggi e Villaggi Turistici coniuga i valori culturali e l'estrema bellezza naturale della Toscana, potendola considerare un "modo di vivere" la regione più che un semplice posto dove pernottare. I Campeggi e Villaggi Turistici sono distribuiti in tutta la regione dove accolgono quasi un milione e mezzo di ospiti che vi trascorrono più di nove milioni di notti, ma è specialmente sulla costa, dove incidono per il 60% circa dei posti letto, che rappresentano la vera spina dorsale della ricettività turistica.
In un settore in veloce cambiamento i campeggi devono fare fronte a nuove sfide e adeguare il prodotto alle nuove richieste dei clienti.
Al convegno, organizzato da FAITA Toscana, sarà presentato il Rapporto sul Turismo all'Aria Aperta in Toscana, giunto alla terza edizione, con i dati sull'andamento del settore e valutazioni sulle prove da superare nei prossimi anni.
Nel corso dell'incontro il prof. Duccio Canestrini, antropologo e giornalista, presenterà una conferenza - spettacolo sull'antropologia del turismo all'aria aperta.
Interverranno Leonardo Marras, capogruppo PD al Consiglio Regionale della Toscana, che illustrerà le nuove opportunità dopo l'approvazione del nuovo testo unico regionale sul Turismo, Gianni Anselmi, presidente della 2^ commissione Sviluppo Economico del Consiglio Regionale, Giampiero Poggiali, presidente di FAITA Toscana, Anna Lapini, presidente di Confcommercio Toscana, Stefano Giommoni, consulente FAITA..
Il terzo rapporto sarà presentato da Sandro Billi, coordinatore dell'Osservatorio turismo aria aperta Toscana e da Roberto Gambassi, responsabile raccolta, elaborazione ed analisi dati dell'Osservatorio.


Convegno FAITA Federcamping Toscana
Camping Village Baia Azzurra
Via delle Rocchette, Loc. Rocchette Castiglione della Pescaia (Gr)
Giovedì 27 Aprile 2017, ore 9:00
Alla riscoperta del turismo all'aria aperta: città d'arte, campagna e collina crescono più del mare in una estate che si prospetta piena di soddisfazioni.

FAITA Toscana propone la terza edizione del "Rapporto sul Turismo all’Aria Aperta" come sintesi periodica delle rilevazioni dell’Osservatorio sul Turismo all’Aria Aperta in Toscana e come valutazione dello stato del settore.
L'indagine previsionale segnala un discreto ottimismo degli operatori per l'estate 2017: italiani in crescita del 2% e stranieri del 2,5% passeranno in Toscana 980 mila notti in più che nel 2016.
I pernottamenti nelle aree costiere, che rappresentano circa l'80% delle notti passate nei campeggi e nei villaggi turistici in Toscana, prevedono per il 2017 un aumento del 2,5%, uguale per la componente italiana e per quella straniera.
Le città d'arte e le aree interne, maggiormente legate alla tipicità toscana, sono l'ambito dove si prevede la crescita maggiore (+3,8% totale, +4,0% stranieri, +2,1% italiani), confermando uno sviluppo strutturale già visto negli anni passati.
I turisti che frequentano i campeggi lungo le coste della regione sono prevalentemente italiani (60% delle notti), mentre nelle zione interne sono più numerose le notti passate dagli stranieri (86% nelle città d'arte).
Le province mostrano previsioni poco omogenee ma tutte positive ad eccezione di Arezzo. Pisa (+4,5%), Firenze (+3,1%) e Siena (+2,8%) segnalano le migliori aspettative, a confermare il fattore di attrazione sempre più forte da parte di campeggi e villaggi turistici nel contesto delle città d'arte. A Grosseto l'aumento delle presenze è stimato intorno al 2,9%, poco meno a Livorno (2,4%), mentre Massa Carrara è ultima tra le province costiere con un aumento che sfiora appena l'1%. Ottime invece le aspettative degli operatori dell'Elba dove è prevista una crescita che supera il 4%.
Nella prossima estate crescerà principalmente l'uso di case mobili e di camper, meno quello di bungalow e roulotte, mentre la classica tenda sembra perdere ulteriormente spazio nelle scelte dei frequentatori di campeggi e villaggi turistici.
Gli stranieri sono in aumento. Tra i territori dove il mercato è più radicato e l'offerta maggiore, la crescita più forte delle presenze straniere è prevista nella provincia di Pisa (+5%), di Firenze (+3,8%) e di Siena (+3,8%). Interessanti anche le previsioni per le province costiere, in particolare Grosseto (+2,9%), Livorno (+2,4%) e l'Isola d'Elba che segnala una attesa del +4% di ospiti da oltre confine. Per quanto riguarda le origini, il 26% degli intervistati segnala come "sorpresa" il ritorno dei turisti dalla Germania, seguita da Olanda (più nelle aree interne) e Francia.
In Toscana nel 205 vi erano 241 campeggi per 180.391 posti letto, pari al 32,7% del totale della offerta regionale. I dati ufficiali forniti dalla Regione indicano in 1.330.116 gli arrivi e in 9.299.616 le presenze del 2015.


Scarica l'allegato con le previsioni

⇓  Fai la tua domanda  ⇓

Accetta i termini della Privacy